Home > Comunicati > Comunicato dei familiari delle vittime: non in nostro nome!

Comunicato dei familiari delle vittime: non in nostro nome!

13 ottobre 2010

A DISTANZA DI QUALCHE ANNO DALLA CREAZIONE DEL BLOG http://montagna-longa.noblogs.org REPUTIAMO OPPORTUNO FARE ALCUNE PRECISAZIONI POICHE’ LA DIVULGAZIONE DELLE INFORMAZIONI SU MONTAGNA LONGA HA PURTROPPO OFFERTO MATERIALE PER OPERAZIONI NON SEMPRE ADEGUATE ALLA CONSIDERAZIONE DEL DOLORE DEI PARENTI, CON MODALITA’ A VOLTE NON TRASPARENTI E CORRETTE E FINI NON SEMPRE CONDIVISIBILI.

RECENTEMENTE SIAMO VENUTI A CONOSCENZA DI UN PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA MOSTRA MEMORIALE AVENTE PER TEMA LA STRAGE AEREA DEL 5 MAGGIO 1972 E DICHIARIAMO LA NOSTRA ESTRANEITA’ ALL’INIZIATIVA, NE PRENDIAMO ALTRESI’ LE DISTANZE E DIFFIDIAMO CHIUNQUE DAL PRESENTARSI A NOSTRO NOME E DICHIARARE PUBBLICAMENTE LA NOSTRA ADESIONE.

RITENIAMO INFATTI OPERAZIONI QUALI QUELLA DELL’ESPOSIZIONE PUBBLICA DI EFFETTI E FOTOGRAFIE PERSONALI DI COLORO CHE SONO DECEDUTI E DI ALTRI OGGETTI RITROVATI SUL LUOGO DELLA STRAGE, LESIVE E POCO RISPETTOSE PER I PARENTI DELLE VITTIME E PER LE VITTIME STESSE.

UN PROGETTO COME UNA MOSTRA MEMORIALE CHE NON SI PREFIGGA UN PERCORSO DI ANALISI STORICA, DI RICOSTRUZIONE DETTAGLIATA DELLE CIRCOSTANZE E NON ABBIA COME FINE ULTIMO IL RAGGIUNGIMENTO DELLA VERITA,’ RISULTEREBBE ESSERE NON SOLO NON VALIDO E NIENTE AFFATTO FUNZIONALE MA FINIREBBE CON L’ALIMENTARE LA PARTE PIU’ DETERIORE E MORBOSA DELLA CURIOSITA’ UMANA.

A QUESTO PROPOSITO E’ BENE RICORDARE COME UN ARTISTA DI FAMA INTERNAZIONALE QUALE CHRISTIAN BOLTANSKI, DA SEMPRE IMPEGNATO NELLA INTERPRETAZIONE DELLA MEMORIA UNIVERSALE E AUTORE DELL’ALLESTIMENTO DI UN MUSEO A BOLOGNA PROPRIO PER UNA CIRCOSTANZA ANALOGA, LA STRAGE DI USTICA, ABBIA SCELTO DI SOTTRARRE GLI EFFETTI PERSONALI RITROVATI DELLE VITTIME ALLO SGUARDO DEI VISITATORI, RICHIUDENDOLI IN APPOSITE CASSE POSTE A MARGINE DELL’ESPOSIZIONE.

VOGLIAMO OGGI SPIEGARE COME LA DECISIONE DI INSERIRE ON LINE I DOCUMENTI PRESENTI NEL BLOG E’ NATA IN RELAZIONE AL RIGETTO DELL’ISTANZA DI RIAPERTURA DEL PROCEDIMENTO PRESENTATA DA ELEONORA FAIS PRESSO LA PROCURA DI PALERMO NEL 2001. ABBIAMO RITENUTO OPPORTUNO RENDERE PUBBLICI ATTI CHE FINO A QUEL MOMENTO ERANO PASSATI SOLO TRA LE MANI DEGLI ADDETTI AI LAVORI E DEI POCHISSIMI PARENTI COSTITUITISI PARTE CIVILE NEL PROCEDIMENTO PENALE PERSEVERANDO NEL NOSTRO UNICO INTENTO: LA RICERCA DELLA VERITA’ SULLE CAUSE DELLA STRAGE.

NEGLI ULTIMI ANNI, ANCHE PER LA NASCITA DI ALTRI SITI INTERNET, L’ATTENZIONE SULLA STRAGE DI MONTAGNALONGA E’ CRESCIUTA RAGGIUNGENDO PERSINO LA RIBALTA DEI PRINCIPALI MASS MEDIA. PERSONALITA’ PUBBLICHE E PRIVATE SI SONO ACCOSTATE A QUESTA VICENDA MA NESSUN ATTO CONCRETO E’ STATO EFFETTUATO QUALE AD ESEMPIO UNA PUBBLICA DENUCIA CON CONSEGUENTE RICHIESTA DI RIAPERTURA DELLE INDAGINI, LA PUBBLICAZIONE DI UN TESTO O LA DIFFUSIONE DI UN DOCUMENTO INFORMATIVO IL CUI RICAVATO VENISSE DESTINATO ALLE SPESE LEGALI PER INIZIARE UNA BATTAGLIA COLLETTIVA.

CIONONOSTANTE NOI PROSEGUIAMO SULLA NOSTRA STRADA E NON CI RASSEGNAMO AL GIUDIZIO ESPRESSO DALLA MAGISTRATURA CHE NEL LONTANO 1982 ARCHIVIO’ IL CASO COME UN ERRORE UMANO ASSOLVENDO TUTTI GLI IMPUTATI. CONTINUEREMO A CERCARE ELEMENTI CHE CONSENTANO DI RICHIEDERE LA RIAPERTURA DELLE INDAGINI CONFIDANDO NELL’ATTENZIONE CHE LA PROCURA DI PALERMO VORRA’ RIVOLGERE A QUESTA STRAGE PER TANTI ANNI DIMENTICATA.

ALCUNI FAMIGLIARI:

ILDE SCAGLIONE
NADIA VOLPE
ANTONIO CAVATAIO
FRANCESCO CAVATAIO
GIUSEPPE CAVATAIO
IGNAZIO CAVATAIO
ADRIANA SCACCIANOCE
DANIELA SCACCIANOCE
EMANUELA GENUARDI
DAVID BOLOGNA

CONDIVIDONO E SOTTROSCRIVONO:

MARIA CRISTINA SCUDERI
FABIO NATOLI
GUIDO ITALIA
MAURIZIO SPADARO

Categorie:Comunicati Tag:
I commenti sono chiusi.